Proroga in relazione agli adempimenti previsti dal D.P.R. n. 43/2012 “Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra.”

In relazione al D.P.R. n. 43/2012 recante attuazione del Regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra (G.U. n. 93 del 20 aprile 2012), il MinAmbiente ha approvato il testo del nuovo decreto che differisce di 60 giorni il termine di avvio dell’operatività del registro (dall’11 febbraio al 12 aprile) e conseguentemente fa slittare anche la scadenza per l’iscrizione (dal 12 aprile all’11 giugno). Il comunicato di approvazione del provvedimento è stato pubblicato sulla G.U. n. 88 del 15 aprile 2013.

Il Registro nazionale delle persone e delle imprese certificate in questione previsto dal DPR n. 43/2012, è istituito, presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sulla base delle risorse già destinate a tali finalità dalla normativa vigente. La gestione del Registro è affidata alle Camere di commercio competenti che vi fanno fronte con le risorse e le modalità previste dalla legislazione vigente (art. 13 DPR n. 43/2012).

Inoltre, ai fini di cui all’articolo 6, paragrafo 4, del regolamento (CE) n. 842/2006, entro il 31 maggio di ogni anno (in questo caso prorogato all’11 giugno), a partire dall’anno successivo a quello di entrata in vigore del presente decreto, gli operatori (il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto è considerato operatore qualora non abbia delegato ad una terza persona l’effettivo controllo sul funzionamento tecnico degli stessi) delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore, nonché dei sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra devono presentare al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per il tramite dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) una dichiarazione contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relativi all’anno precedente sulla base dei dati contenuti nel relativo registro di impianto (art. 16 DPR n. 43/2012).

Pertanto tutti gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore, nonché dei sistemi fissi di protezione antincendio dovranno sincerarsi tramite il proprio tecnico se il loro  impianto contiene 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra. Nel caso sia verificata questa condizione è necessario che l’operatore presenti la dichiarazione di cui all’art. 16 del DPR n. 43/2012  http://www.fgas.it/News#982-pubblicazione-della-dichiarazione-di-cui-all-articolo-16-comma-1-del-d-p-r-n-43-2012

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

I tag HTML non sono ammessi