In vigore la detrazione al 50% per ristrutturazioni e risparmio energetico

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del 26 giugno è entrata ufficialmente in vigore la nuova detrazione al 50% (ex 36%) per le ristrutturazioni edilizie prevista dal decreto sviluppo 2012.

Il decreto, oltre all’aumento percentuale dello sconto fiscale, ha raddoppiato il tetto di spesa ammesso alla detrazione, da 48mila a 96mila euro, per gli interventi realizzati entro il 31 dicembre 2012. Dopo quella data si torna, infatti, al 36%.

Le spese sostenute dovranno essere indicate nella dichiarazione dei redditi a partire dall’anno
successivo ed è saranno detraibili in:
• 10 anni per tutti i contribuenti con meno di 75 anni di età;
• 5 anni per i contribuenti con meno di 80 anni;
• 3 anni per i contribuenti con più di 80 anni.

Delle detrazioni potranno beneficiare tutte le persone fisiche che:
• ristrutturano un immobile posseduto a qualsiasi titolo (cioè i proprietari ma
anche chi è in affitto o in usufrutto) entro il 31 dicembre 2012;
• acquistano un immobile ristrutturato da imprese di costruzione o cooperative
entro il 30 giugno 2013 (ma la ristrutturazione dev’essere conclusa sempre entro il
31 dicembre 2012).

Sono detraibili tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, risanamento
conservativo, ristrutturazione edilizia, e le spese inerenti la:
• progettazione, consulenza, perizie;
• esecuzione dei lavori;
• acquisto dei materiali;
• messa in regola degli impianti elettrici e degli impianti a metano;
• relazione di conformità dei lavori;
• imposte e altri costi burocratici (Iva, imposta di bollo, concessioni, autorizzazioni
e denuncia di inizio lavori);
• oneri di urbanizzazione.

Sui lavori e i materiali è inoltre prevista, di regola, l’aliquota Iva agevolata del 10%

Tutti i pagamenti dovranno avvenire tramite bonifico  bancario dal quale risulti la specifica causale del versamento e il codice fiscale di  entrambe le parti su o appositi moduli reperibili in banca.

Prorogata di sei mesi (fino al giugno 2013) anche la scadenza per la detrazione per il risparmio energetico con una minima riduzione: dal 55 al 50%.
fonte: www.studiobertacca.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

I tag HTML non sono ammessi